Filtra per anno:



Piano triennale per prevenzione della corruzione e della trasparenza



  • PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L’INTEGRITA’ ANNI 2014 – 2015 – 2016

    INDICE
     
    PREMESSA
     
    PARTE I – Introduzione
    1.1  – Organizzazione e funzioni dell’amministrazione
     
    PARTE II - Procedimento di elaborazione e adozione del Programma
    2.1 – Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità
    2.2 – Il collegamento con  il Piano anticorruzione
    2.3 – L’elaborazione del programma e l’approvazione da parte della Giunta Comunale
    2.4 – Le azioni di promozione della partecipazione degli stakeholder
     
    PARTE III -  Iniziative di comunicazione della trasparenza
    3.1 – Iniziative e strumenti di comunicazione per la diffusione dei contenuti del Programma e dei dati;
    3.2 – Organizzazione delle Giornate della trasparenza
     
    PARTE IV - Processo di attuazione del Programma
    4.1 I soggetti responsabili della pubblicazione dei dati
    4.2 L’organizzazione dei flussi informativi
    4.3 La struttura dei dati e i formati
    4.4 Il trattamento dei dati personali
    4.5 Tempi di pubblicazione e archiviazione dei dati
    4.6 Sistema di monitoraggio degli adempimenti
    4.7 Strumenti e tecniche di rilevazione della qualità dei dati pubblicati
    4.8 Controlli, responsabilità e sanzioni


     
     
     
    PREMESSA
     
     
    La trasparenza è lo strumento fondamentale per un controllo diffuso da parte dei cittadini dell'attività amministrativa, nonché elemento portante dell'azione di prevenzione della corruzione e della cattiva amministrazione. Essa è stata oggetto di riordino normativo per mezzo del decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 33, che la definisce "accessibilità totale delle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e delle risorse pubbliche".
    Il decreto, rubricato “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni delle pubbliche amministrazioni”, è stato emanato in attuazione della delega contenuta nella legge 6 novembre 2012, n. 120, "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”. Il nuovo assetto normativo riordina e semplifica i numerosi adempimenti già in vigore, a partire da quelli oggetto del D.lgs n. 150/2009, ma soprattutto fornisce un quadro giuridico utile a costruire un sistema di trasparenza effettivo e costantemente aggiornato.
    Ai sensi del decreto legislativo n. 33/2013 la trasparenza è intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l'organizzazione e l'attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche (Art.1 comma 2).
    La trasparenza concorre ad attuare il principio democratico e i principi costituzionali di eguaglianza, di imparzialità, buon andamento, responsabilità, efficacia ed efficienza nell'utilizzo di risorse pubbliche, integrità e lealtà nel servizio alla nazione, nel rispetto delle disposizioni in materia di segreto di Stato, di segreto d'ufficio, di segreto statistico e di protezione dei dati personali.
    Si tratta di misure che costituiscono il livello essenziale delle prestazioni erogate dalle amministrazioni pubbliche con il fine ultimo di prevenire fenomeni di corruzione, illegalità e cattiva amministrazione.
    La pubblicità totale dei dati e delle informazioni individuate dal decreto, nei limiti previsti dallo stesso con particolare riferimento al trattamento dei dati personali, costituisce oggetto del diritto di accesso civico, che pone in capo a ogni cittadino la facoltà di richiedere i medesimi dati senza alcuna ulteriore legittimazione.
    Il nuovo quadro normativo consente di costruire un insieme di dati e documenti conoscibili da chiunque, che ogni amministrazione deve pubblicare nei modi e nei tempi previsti dalla norma, sul proprio sito Internet.
    Per le ragioni fin qui espresse è di tutta evidenza di come l'attuazione puntuale dei doveri di trasparenza divenga oggi elemento essenziale e parte integrante di ogni procedimento amministrativo e coinvolga direttamente ogni ufficio dell'amministrazione, al fine di rendere l'intera attività dell’ente conoscibile e valutabile dagli organi preposti e, non ultimo, dalla cittadinanza.
    Attraverso l’attuazione ed il progressivo potenziamento di un sistema stabile ed organizzato di raccolta e di pubblicazione dei dati, delle informazioni e dei documenti riguardanti l’azione e l’organizzazione dell’ente, il Comune di Torrioni intende promuovere il coinvolgimento partecipativo dei cittadini, in una logica sempre più orientata all’open government.
    Il presente programma, da aggiornare annualmente, trae origine delle linee guida fornite dalla Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche (CIVIT), oggi Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e descrive le fasi di gestione interna attraverso cui il Comune mette concretamente in atto il principio della trasparenza.
    Vi sono descritte le azioni che hanno portato all'adozione dello stesso, le iniziative di comunicazione e infine le misure organizzative volte ad assicurare la regolarità e la tempestività dei flussi informativi e in generale l’adeguatezza dell’organizzazione interna agli adempimenti previsti dalla legge.
    Gli obiettivi fissati dal Programma si integrano con il Piano di prevenzione della corruzione. Esso inoltre mira a definire il quadro essenziale degli adempimenti anche in riferimento alle misure tecnologiche fondamentali per un'efficace pubblicazione, che in attuazione del principio democratico rispetti effettivamente le qualità necessarie per una fruizione completa e non discriminatoria dei dati attraverso il web.
    Il presente regolamento viene redatto conformemente alle seguenti disposizioni, cui si rimanda per ogni aspetto non espressamente approfondito:
     
    - Legge 6 novembre 2012, n. 190, avente a oggetto "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione dell'illegalità nella pubblica amministrazione";
     
    - Decreto legislativo 13 marzo 2013, recante il "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni";
     
    - Deliberazione CIVIT n. 105/2010 avente a oggetto “Linee guida per la predisposizione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità”;
     
    - Deliberazione CIVIT n. 2/2012 avente a oggetto "Linee guida per il miglioramento della predisposizione e dell'aggiornamento del programma triennale per la trasparenza e l'integrità";
     
    - Deliberazione CIVIT n. 50 del 4 luglio 2013, avente a oggetto "Linee guida per l'aggiornamento del programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2014-2016" e i relativi allegati, con particolare riferimento alle errata-corrige pubblicate in data 24 settembre 2013;
     
    - Deliberazione CIVIT n. 59 del 15 luglio 2013, avente a oggetto "Pubblicazione degli atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e attribuzione di vantaggi economici a persone fisiche ed enti pubblici e privati (artt. 26 e 27, d.lgs n. 33/2013)”;
     
    - Deliberazione CIVIT n. 65 del 31 luglio 2013, avente a oggetto "Applicazione dell’art. 14 del d.lgs n. 33/2013 – Obblighi di pubblicazione concernenti i componenti degli organi di indirizzo politico";
     
    - Deliberazione CIVIT n. 71 del 1 agosto 2013, avente a oggetto "Attestazioni OIV sull’assolvimento di specifici obblighid i pubblicazione per l’anno 2013 e attività di vigilanza e controllo della commissione”";
     
    - Decreto legislativo 8 marzo 2005, n. 82, avente a oggetto "Codice dell'amministrazione digitale";
     
    - Legge 9 gennaio 2004, n. 4, avente a oggetto "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici";
     
    - Linee Guida per i siti web della PA del 26 luglio 2010, con aggiornamento del 29 luglio 2011;
     
    - Deliberazione del Garante per la protezione dei dati personali 2 marzo 2011 avente a oggetto le “Linee Guida in materia di trattamento dei dati personali contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato da soggetti pubblici per finalità di pubblicazione e diffusione sul web";
     


    PARTE I – Introduzione
     
    1.1– Organizzazione e funzioni dell’amministrazione
    La struttura organizzativa dell’Ente è stata ridefinita con deliberazione di G.C.n.13 del 2.2.2001- modificata dalle deliberazioni G.C.n.5 del 21.1.2002- G.C.nn.122 e 123 del 19.12.2002 e ss.mm.ed ii;
    La struttura organizzativa comunale risulta articolata in Servizi, Uffici.
    a) il Servizio costituisce la struttura di massima dimensione dell’ente, cui è preposto un Responsabile di posizione organizzativa;
    b) l’Ufficio è la struttura organizzativa intermedia cui sono assegnati i dipendenti presenti nella dotazione organica dell’Ente- responsabili di procedimento.
    Il dettaglio delle funzioni amministrative (funzionigramma) è quello di seguito riportato:
     

    PARTE II - Procedimento di elaborazione e adozione del Programma
     
     
    2.1 – Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità
     
    La trasparenza dell’attività amministrativa è un obiettivo fondamentale dell’amministrazione e viene perseguita dalla totalità degli uffici e dei rispettivi responsabili. Essa è oggetto di consultazione e confronto di tutti i soggetti interessati, attraverso le conferenze dei responsabili di servizio e di procedimento coordinate dal Responsabile della trasparenza.
    I responsabili dei singoli uffici sono chiamati a prendere parte agli incontri e a mettere in atto ogni misura organizzativa per favorire la pubblicazione delle informazioni e degli atti in loro possesso, nei modi e nei tempi stabiliti dalla legge e secondo le fasi di aggiornamento che verranno decise dal Responsabile.
    Le attività di monitoraggio e misurazione della qualità della sezione “Amministrazione trasparente” del sito Internet comunale sono svolte, in sinergia con l’Ufficio di segreteria, dall’ufficio tecnico –U.O.Geom.Leo Andrea, anche eventualmente  tramite convenzioni di assistenza sistemistica con ditte esterne. Lo stesso  è chiamato a darne conto in modo puntuale e secondo le modalità concordate al Responsabile della trasparenza, come appresso specificato.
    Il Responsabile della trasparenza si impegna ad aggiornare annualmente il presente Programma, anche attraverso proposte e segnalazioni raccolte nel corso delle conferenze programmatiche dei responsabili di servizio e procedimento Egli svolge un’azione propulsiva nei confronti dei singoli uffici e servizi dell’amministrazione,
    Attraverso la misurazione della qualità degli adempimenti di pubblicazione, da effettuarsi a mezzo del servizio Bussola della Trasparenza predisposto dal Dipartimento della Funzione pubblica. Il sistema consente di valutare il sito Internet attraverso una molteplicità di indicatori, verificandone la corrispondenza a quanto previsto dalla legge e identificando i singoli errori e inadempienze.
    L’obiettivo dell’amministrazione è quello di raggiungere uno standard di rispondenza costantemente sopra il 90 per cento entro l’ultimo anno di riferimento del presente programma (2016).
    Unitamente alla misurazione dell’effettiva presenza dei dati oggetto di pubblicazione obbligatoria, l’amministrazione si pone come obiettivo primario quello di migliorare la qualità complessiva del sito Internet.
    Gli obiettivi indicati nel Programma triennale sono, inoltre, formulati in collegamento con la programmazione strategica e operativa dell'amministrazione, definita negli  strumenti di programmazione dell’ente.
    La promozione di maggiori livelli di trasparenza costituisce, infatti, un'area strategica di ogni amministrazione, che deve tradursi nella definizione di obiettivi organizzativi e individuali.
     
     
    2.2 – Il collegamento con  il Piano anticorruzione
     
    La trasparenza dei dati e degli atti amministrativi prevista dal decreto legislativo n. 33/2013 rappresenta lo standard di qualità necessario per un effettivo controllo sociale.
    In particolare, la pubblicità totale dei dati relativi all’organizzazione, ai servizi, ai procedimenti e ai singoli provvedimenti amministrativi consente alla cittadinanza di esercitare quel controllo diffuso e quello stimolo utile al perseguimento di un miglioramento continuo dei servizi pubblici comunali e della attività amministrativa nel suo complesso.
    L’attività di pubblicazione dei dati e dei documenti prevista dalla normativa e dal presente Programma costituisce parte essenziale delle attività del Piano anticorruzione. Il Responsabile della trasparenza è chiamato a dare conto della gestione delle attività di pubblicazione nell’ambito di ogni iniziativa legata alle misure di prevenzione della corruzione.
     
    2.3 – L’elaborazione del programma e l’approvazione da parte della Giunta Comunale
     
    Il presente programma viene elaborato e aggiornato entro il 31 gennaio di ogni anno da parte del Responsabile della trasparenza. Il Responsabile della trasparenza e il personale dell’ufficio di segreteria hanno il compito di monitorare e stimolare l’effettiva partecipazione di tutti i responsabili di servizio chiamati a garantire la qualità e la tempestività dei flussi informativi.
    Il Comune elabora e mantiene aggiornato il presente Programma in conformità alle indicazioni fornite dalla CIVIT – Autorità Anticorruzione e dagli schemi da essa approvati sulla base del dettato del D.lgs n. 33/2013.
    In seguito all’approvazione da parte della Giunta Comunale il piano della trasparenza viene trasmesso agli organi competenti per l’attività di verifica dell’assolvimento degli obblighi prevista dalla legge.
     
     
    2.4 – Le azioni di promozione della partecipazione degli stakeholders
     
    Al fine di un coinvolgimento attivo per la realizzazione e la valutazione delle attività di trasparenza, l’amministrazione individua quali stakeholders i cittadini residenti nel Comune, le associazioni, i media, le imprese e gli ordini professionali è affidato all’ufficio di segreteria, di concerto con il Responsabile della trasparenza, il coordinamento delle azioni volte al coinvolgimento degli stakeholders. Il medesimo ufficio è incaricato altresì di segnalare i feedback, tra cui le richieste di accesso civico effettuate a norma dell’art. 5 del D.lgs n. 33/2013, provenienti dai medesimi stakeholders al Responsabile della trasparenza, al fine di migliorare la qualità dei dati oggetto di pubblicazione e stimolare l’intera struttura amministrativa.
    Al Responsabile della trasparenza è affidato inoltre il compito di coinvolgere tutti gli stakeholders interni all’amministrazione, mediante attività di formazione, anche eventualmente a mezzo di società esterne specializzate, sui temi della trasparenza, della legalità e della promozione dell’attività e attuazione di apposite circolari operative agli uffici.
    Lo scopo dell’attività di coinvolgimento degli stakeholders interni è quello di diffondere la cultura della trasparenza e la consapevolezza che le attività di selezione, lavorazione e pubblicazione dei dati e documenti costituiscono parte integrante di ogni procedimento amministrativo nonché elemento di valutazione della qualità dell’azione amministrativa nel suo complesso e del singolo funzionario responsabile.
     


     
    PARTE III -  Iniziative di comunicazione della trasparenza
     
    3.1 – Iniziative e strumenti di comunicazione per la diffusione dei contenuti del Programma e dei dati
     
    L’ufficio di segreteria ha il compito di coordinare le azioni di coinvolgimento degli stakeholders e in generale della cittadinanza sulle attività di trasparenza poste in atto dall’amministrazione.
    Di concerto con gli organi di indirizzo politico e con il Responsabile della trasparenza, l’ufficio di segreteria  ha il compito di organizzare e promuovere le seguenti azioni nel triennio:
    - Forme di ascolto diretto e online tramite l’Ufficio relazioni con il pubblico e il sito Internet comunale;
    - Forme di comunicazione e informazione diretta ai cittadini (opuscoli, schede pratiche, slides animate da proiettare negli appositi spazi, ecc.);
    - Organizzazione di Giornate della Trasparenza;
    - Coinvolgimento delle associazioni presenti sul territorio attraverso comunicazioni apposite o incontri pubblici ove raccogliere i loro feedback sull’attività di trasparenza e di pubblicazione messe in atto dall’ente.
     
     
    3.2 – Organizzazione delle Giornate della trasparenza
     
    Le Giornate della trasparenza sono momenti di ascolto e coinvolgimento diretto degli stakeholders al fine di favorire la partecipazione e la diffusione di buone pratiche all’interno dell’amministrazione. E’ compito dell’ufficio di segreteria comunale, di concerto con il Responsabile della trasparenza e con gli organi di indirizzo politico, organizzare le relative giornate, in modo da favorire la massima partecipazione degli stakeholders individuati al punto 2.4 del presente Programma.
    Nelle giornate della trasparenza il Responsabile dovrà dare conto delle azioni messe in atto e dei risultati raggiunti, e si dovrà prevedere ampio spazio per gli interventi e le domande degli stakeholders. Al termine  ai partecipanti dovrà essere somministrato un questionario di customer satisfaction sull’incontro e sui contenuti dibattuti.
     È  compito dell’ufficio di segreteria comunale organizzare una  Giornata della trasparenza dedicata a una specifica categoria di stakeholders, quali ad esempio associazioni di consumatori, studenti, ordini professionali, aziende, con contenuti preparatiad hoc per l’occasione.
     


    PARTE IV - Processo di attuazione del Programma
     
    4.1 I soggetti responsabili della pubblicazione dei dati
     
    I dati e i documenti oggetto di pubblicazione sono quelli previsti dal D.lgs n. 33/2013, dalla legge n. 190/2012 ed elencati in modo completo nell’allegato 1 della deliberazione CIVIT n. 50 del 4 luglio 2013. Essi andranno a implementare la sezione Amministrazione Trasparente del sito Internet comunale così come definita dall’allegato al D.lgs n. 33/2013.
    I soggetti responsabili degli obblighi di pubblicazione e della qualità dei dati per come definita dall’art. 6 del D.lgs n. 33/2013 sono  i responsabili preposti ai singoli procedimenti inerenti i dati oggetto di pubblicazione. Per i dati relativi agli organi di indirizzo politico-amministrativo la responsabilità della pubblicazione è dell’ufficio di segreteria che dovrà raccogliere le informazioni necessarie direttamente dalle figure individuate dalla normativa.
    I responsabili dei servizi dovranno inoltre verificare l’esattezza e la completezza dei dati pubblicati inerenti ai rispettivi uffici e procedimenti segnalando all’ufficio di segreteria comunale  eventuali errori.
    I soggetti responsabili avranno cura di fornire dati e documenti pronti per la pubblicazione conformemente all’art. 4 del D.lgs n. 33/2013 e, in generale, alle misure disposte dal Garante per la protezione dei dati personali nelle Linee Guida pubblicate con la deliberazione del 2 marzo 2011.
    L’ufficio di segreteria è incaricato di monitorare l’effettivo assolvimento degli obblighi di pubblicazione da parte dei singoli dipendenti. L’aggiornamento costante dei dati nei modi e nei tempi previsti dalla normativa è parte integrante e sostanziale degli obblighi di pubblicazione.
     
     
    4.2 L’organizzazione dei flussi informativi
     
    I flussi informativi sono gestiti e organizzati sotto la direzione del Responsabile della trasparenza. Gli uffici preposti ai procedimenti relativi ai dati oggetto di pubblicazione implementano con la massima tempestività i file e le cartelle ai fini della pubblicazione sul sito.
    Ogni responsabile di servizio adotta apposite linee guida interne al proprio servizio stabilendo il dipendente preposto alla predisposizione dei dati e dei documenti oggetto di pubblicazione, e indicando eventualmente un sostituto nei casi di assenza del primo.
    Per quanto concerne le schede sintetiche dei provvedimenti di cui all’art. 23 del D.lgs n. 33/2013, esse dovranno essere realizzate dai responsabili dei provvedimenti all’interno di una tabella condivisa da tenere costantemente aggiornata al fine della pubblicazione da effettuarsi a cadenza semestrale.
    Le linee guida dovranno essere sintetizzate in apposite schede interne da sottoporre al Responsabile della trasparenza. Le schede dovranno essere aggiornate entro il 31 gennaio di ogni anno e comunque ogni volta che esigenze organizzative comportino una modifica della ripartizione dei compiti.
    I dati e i documenti oggetto di pubblicazione dovranno essere elaborati nel rispetto dei criteri di qualità previsti dal D.lgs n. 33/2013, con particolare osservanza degli articoli 4 e 6.
     
    4.3 La struttura dei dati e i formati
     
    Gli uffici competenti dovranno fornire i dati nel rispetto degli standard previsti dal D.lgs n. 33/2013 e in particolare nell’allegato 2 della deliberazione CIVIT n. 50 del 4 luglio 2013.
    È compito prioritario dell’Ufficio Tecnico- U.O. Geom.Leo Andrea mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari per adeguare il sito istituzionale del Comune di Torrioni agli standard individuati nelle Linee Guida per i siti web della Pa, eventualmente anche tramite convenzioni di assistenza sistemistica con società esterne. Sarà cura dell’Ufficio Tecnico- U.O. Geom.Leo Andrea, di concerto con il Responsabile della Trasparenza e con l’ufficio segreteria fornire indicazioni operative agli uffici, sulle modalità tecniche di redazione di atti e documenti in formati che rispettino i requisiti di accessibilità, usabilità, integrità e open source.
    Fermo restando l’obbligo di utilizzare solo ed esclusivamente formati aperti ai sensi dell’art. 68 del Codice dell’amministrazione digitale, gli uffici comunali che detengono l’informazione da pubblicare dovranno:
    a)     compilare i campi previsti nelle tabelle predisposte nelle cartelle del server dall’ufficio tecnico U.O. Geom.Leo Andrea che potrà stipulare convenzioni di assistenza sistemistica con ditte esterne, per ogni pubblicazione di “schede” o di dati in formato tabellare;
    b)    predisporre documenti nativi digitali in formato PDF/A pronti per la pubblicazione ogni qual volta la pubblicazione abbia a oggetto un documento nella sua interezza.
    Qualora particolari esigenze di pubblicità richiedano la pubblicazione di documenti nativi analogici, l’ufficio responsabile dovrà preparare una scheda sintetica che sarà oggetto di pubblicazione sul sito Internet unitamente alla copia per immagine del documento, così da renderne fruibili i contenuti anche alle persone con disabilità visiva, nel rispetto dei principi fissati dalla legge 9 gennaio 2004, n. 4 e della Circolare dell’Agenzia per l’Italia Digitale n. 61/2013.
     
    4.4 Il trattamento dei dati personali
     
    Una trasparenza di qualità necessità del costante bilanciamento tra l’interesse pubblico alla conoscibilità dei dati e dei documenti dell’amministrazione e quello privato del rispetto dei dati personali, in conformità al D.lgs n. 196/2003. In particolare, occorrerà rispettare i limiti alla trasparenza indicati all’art. 4 del D.lgs n. 33/2013 nonché porre particolare attenzione a ogni informazione potenzialmente in grado di rivelare dati sensibili quali lo stato di salute, la vita sessuale e le situazioni di difficoltà socio-economica delle persone.
    I dati identificativi delle persone che possono comportare una violazione del divieto di diffusione di dati sensibili, con particolare riguardo agli artt. 26 e 27 del D.lgs n. 33/2013, andranno omessi o sostituiti con appositi codici interni.
    Nei documenti destinati alla pubblicazione dovranno essere omessi dati personali eccedenti lo scopo della pubblicazione e i dati sensibili e giudiziari, in conformità al D.lgs n. 196/2003 e alle Linee Guida del Garante sulla Privacy del 2 marzo 2011.

    Ultimo aggiornamento: 25/03/2014

  • Statistica Giorni Lav/Pres/Ass L. n.69 18/06/09 - Periodo MAGGIO 2016

    Statistica  Giorni Lav/Pres/Ass L. n.69 18/06/09   - Periodo  MAGGIO  2016
    Totale Dipendenti  n. 7
    Totale GG lavorative n. 165
    Totale GG Presenze  n. 155
    Percentuale presenza 93.94
    Totali Giorni Assenza n. 14
    Percentuale assenza: 8.48
     

    Ultimo aggiornamento: 01/06/2016

  • Verbale di Aggiudicazione definitiva.

    Verbale di Aggiudicazione definitiva. Lavori di Realizzazione strada di collegamento locali comunali alla via Provinciale e realizzazione illuminazione a Led.

    Ultimo aggiornamento: 24/12/2014

  • Avviso di Affidamento incarico Tecnico.

    Avviso di Affidamento incarico Tecnico Lavori di realizzazione strada di collegamento locali comunali alla via provinciale e realizzazione di illuminazione a LED.

    Ultimo aggiornamento: 24/12/2014